Appello all’Onu: “Fermate i soldati-robot, sono un pericolo per l’umanità”

Elon Musk (Tesla) e altri 116 fondatori di aziende di robotica e intelligenza artificiale chiedono di bloccare la corsa agli armamenti autonomi. Si rischiano conflitti destabilizzati da queste tecnologie.

Sorgente: Appello all’Onu: “Fermate i soldati-robot, sono un pericolo per l’umanità”

Le armi letali autonome minacciano di essere la terza rivoluzione in campo militare. Una volta sviluppate, permetteranno ai conflitti armati di essere combattuti su una scala più grande che mai, e su scale temporali più veloci di quanto gli umani possano comprendere: sono armi che despoti e terroristi potrebbero rivolgere contro popoli innocenti, oltre che armi che gli hacker potrebbero riprogrammare per comportarsi in modi indesiderabili. Non abbiamo molto tempo per agire: una volta aperto il vaso di Pandora, sarà difficile richiuderlo

La robotica è uno sviluppo chiesto inconsapevolmente da tutti noi, risultato dello sviluppo tecnologico.

Non sarà possibile, quindi fermare lo sviluppo tecnologico militare e dunque l’utilizzo di soldati robot, per quanto tutto ciò sia già in atto, ad esempio i droni.

Non siamo nei film e dunque un robot è una macchina che reagisce in base a direttive impostate nonostante in grado di sviluppare apprendimento autonomo.

L’essere umano è una specie animale dedita alla costruzione di un proprio potere teritoriale e di grandezza, a scapito di qualsiasi legge e regola che possa ostacolare i suoi target. Proprio per questo la robotica può essere pericolosa a qualsiasi livello.

Dunque l’appello lanciato dai 116 fondatori di aziende di robotica e intelligenza artificiale potrebbe essere vano o comunque solo un ritardo di uno sviluppo comunque non arrestabile.

Lo sviluppo della robotica deve essere controllato da una commissione internazionale che ne regoli, il più possibile, lo sviluppo, gli usi e detti leggi ben precise a difesa della stessa razza umana contro fenomeni incontrollati di assunzione del potere o, comunque a difesa del cittadino umano nei suoi diritti.

Per farla in breve, bisogna che un robot non sia mai in grado di ferire o aggredire un essere umano se non per difesa dell’incolumità di altri esseri umani.

Per temirnare lo sviluppo tecnologico può portare alla formazione di nuovi casi di terrorismo internazionale di levello catastrofico.